Nasce il nuovo Contamination Lab all’Università Di Bergamo

16 Ottobre 2018

Al via la prima edizione di HC.Lab (Health C.Lab),il nuovo progetto Contamination Lab (CLab) dell’Università di Bergamoche propone ai partecipanti un percorso di accompagnamento e formazione alla cultura dell’imprenditorialità focalizzato sul settore della salute e le sue prospettive di innovazione.

Al centro del percorso formativo, i temi e le sfide che la società contemporanea si trova ad affrontare nel campo della salute: benessere e stili di vita, alimentazione, wellbeing; qualità della vita, supporto alle fragilità e nuove tecnologie per lo smart aging; tecnologie per la salute tra cui sensoristica indossabile e mobile healthbig data e intelligenza artificiale a supporto della terapia, della cura del paziente e della gestione dei servizi alla persona e delle organizzazioni sanitarie.

Sergio Cavalieri, prorettore delegato al Trasferimento Tecnologico, Innovazione e Valorizzazione della Ricerca dell’Università, ha detto: «Con il progetto HC.Lab il nostro Ateneo entra all’interno del network nazionale di laboratori di formazione imprenditoriale promosso e riconosciuto dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica) con un coinvolgimento attivo delle principali componenti del mondo economico, culturale e sociale del territorio, e caratterizzato anche da una forte proiezione internazionale grazie all’attivazione di partnership strategiche come quella che oggi attiviamo con IBM Italia e MIT IBM Watson AI Lab.».

«HC.Lab rappresenta un ulteriore e importante tassello che va ad arricchire e completare il percorso intrapreso dall’Ateneo nel settore della salute integrandosi in modo sinergico con le iniziative già in essere – ha commentatoCaterina Rizzi, direttore del Dipartimento di Ingegneria gestionale, dell’informazione e della produzione, Università».

Le lezioni si svolgeranno dal prossimo mese di dicembre 2018 a maggio del 2019, sviluppate in un ciclo di 60 ore dedicate all’approfondimento con esperti del settore; all’apprendimento di tecniche di sviluppo imprenditoriale e di lavoro in team; all’elaborazione di un progetto d’impresa con il supporto di mentor esperti. Al termine, i progetti migliori saranno valutati e premiati da una giuria tecnica.