Notizie

27 Mag, 2020
Un confronto sulle nuove idee di medicina, cura e salute
Categorie: Contamination Age | Talk

Se qualcosa smette di funzionare, la medicina interviene con i suoi trattamenti, cure e farmaci. Mette a posto gli ingranaggi del sistema: il pezzo mancante viene rimpiazzato e quello difettoso sostituito.

Per lungo tempo è stata questa la concezione predominante della medicina, una disciplina incentrata quasi esclusivamente sulla cura, sul ristabilimento delle condizioni ottimali, cioè il passaggio dallo stato di malattia a quello di salute. Il corpo è stato paragonato a una macchina, i suoi organi e sistemi a pezzi da sostituire o aggiustare e la salute è divenuta l’esito di questa operazione meccanica. 

Anche la medicina attuale si basa sul concetto di cura, da cui non può prescindere. Ma accanto ad esso valorizza quello della prevenzione e della predizione. Le pratiche della più recente medicina preventiva sono quindi indirizzate al mantenimento di questo stato complessivo di benessere, all’adozione di buone abitudini necessarie per scongiurare l’insorgenza della malattia: uno stile di vita salubre, una buona alimentazione ad esempio, ma inoltre un’attenzione particolare ai segnali che il nostro corpo è in grado di lanciare. La salute infatti è uno stato complessivo di benessere fisico, psichico, sociale ed economico, come dichiara L’Organizzazione Mondiale della Sanità e per questo non può essere ridotto alla semplice cura dei singoli disturbi. 

La medicina classica quindi si arricchisce, si sposa con teorie e pratiche più recenti legate alla personalizzazione delle terapie, al loro incontro con l’ingegneria e la robotica. Si avvicina all’idea che il fare medico non si arresti alla somministrazione di un farmaco o all’esecuzione di un intervento chirurgico. La medicina infatti si realizza anche nel rapporto dialogico fra medico, paziente e familiari, nella cura del corpo e delle relazioni, nella ricerca in altre parole di uno stato di salute complessivo intimamente legato al grado di felicità di ciascuno e non alla semplice assenza di malattia. 

Gli argomenti che affrontano Adriano, Federica, Marco, Lorenzo e Lucia sono di estrema attualità, per molti versi pionieristici perché si inseriscono all’interno di un nuovo paradigma che vede la medicina protagonista di una rivoluzione tecnica, ingegneristica e robotica ma inoltre sociale e politica. 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE…

 

Share This